Header Image - Escursioni Nelle Dolomiti

Vallorch e Strada del Taffarel

by MDB 0 Comments
Vallorch e Strada del Taffarel
Il villaggio Cimbro di Vallorch (quota 1120 m)

Itinerario: Cansiglio Cap. Genciana (1019 m)- Sentero Alpago Natura F1 – Vallorch Villaggio Cimbro (1122 m)- La Faia- Vallone Vallorch – “F” Strada del Taffarel (1319 m) – sentiero “S”- Cap. Genciana.

Distanza: 10,1 Km ; Dislivello: 330 metri.

Una semplice passeggiata di poche ore per scoprire il Pian Del Cansiglio e il rigoglioso bosco di faggio. Si parte nei pressi di “Capanna Genciana”, in fondo al rettilineo che confina con il Comune di Vittorio Veneto. La stradina, già sentiero “Alpago Natura” è contrassegnato con la sigla F1, porta direttamente sul “falso piano”, anche con l’ automobile, al Villaggio Cimbro di Vallorch.

I Cimbri erano una tribù probabilmente germanica o di etnia celtica che invase il territorio della repubblica romana. Ormai la lingua Cimbra è quasi scomparsa e rimane in poche località dell’ Altipiano di Asiago.

Il villaggio assomiglia a una città dei west-end Americani con una decina di baracche e case di legno, la sua chiesetta dedicata alla Vergine Maria, e la sua osteria.

Il percorso “Alpago Natura” prosegue nel bosco della “Serenissima” direzione Sud-Est lungo il Vallone Vallorch, la fagetta è costituita da faggi di alto fusti e ben distanti gli uni dagli altri, consentendoli di alzari liberi verso il cielo. Il toponimo del luogo è “La Sboada” o “Pian Parrocchia”.

Alla fine il sentiero s’ innerpica sul letto secco del torrente Vallorghet. A quota circa 1320m , raggiungiamo la stradina bianca della ciclabile Cansiglio-Monte Pizzoc, è la “Strada del Taffarel”. E una stradina bella larga e praticamente pianeggiante, ricoperta dal fogliame caduto dai faggi e bella da percorrere dai numerosi “bikers”. Continuiamo verso Nord-Est per meno di due kilometri, prima di trovare il sentiero “S” di discesa. Un imponente e isolato abete bianco è là come guardiano del segnavia. Il sentiero di discesa è più rapido ma comodamente ci riporta al villaggio Cimbro.Torniamo alla “Capanna Genciana”, bar ristorante, per rifocillarci con dolce e bevanda fresca !

 

 

 

4.733 views

Sentiero del Gaviol insieme al C.A.I. Alpago

by MDB 0 Comments
Sentiero del Gaviol insieme al C.A.I. Alpago
Bivacco Pian de La Pita (1483m) e Lago Di Santa Croce

 

Itinerario: Sella Del Fadalto park (487 m)- Crosera (481 m)- CAI-949- Sentiero Gaviol- Le Prese(1344 m)- Bivacco Pian De La Pita (1472 m)- M. Millifret- Monumento A.V.A.B. al Pizzoc(1512 m)- Casere Oselada (1458 m) – CAI-480 (H3)- Casera Prese – Monte Costa (1375 m)- Rif. Mezzomiglio (1291 m).

Domenica 22 aprile 2018:  il sentiero del “Gaviol” si inerpica sulla ripida scarpata Occidentale del Piano di Mezzomiglio. Partenza dall’ ampio parcheggio del Fadalto (448 m), con una trentina soci  del CAI Alpago e alcuni soci di Aviano, per la stradina bianca in località Crosera che si inoltra nel bosco, prima in piano poi in ripida salita in zona“Gaviol”, abbiamo l’ onore di essere preceduti da valenti boscaioli che si adoperano per tagliare i fastidiosi arbusti caduti sul sentiero. Poi si attraversa la frana ben visibile e un primo cordino metallico ci aiuta a passare con sicurezza un tratto esposto nel bosco e una piccola passerella per superare un tratto aereo. Superato questo impegnativo dislivello, per fortuna sempre all’ ombra, attraversiamo un piccolo bosco di alberi aghiformi prima di giungere finalmente sulla prateria di Mezzomiglio, dove godiamo di un prima sosta per ammirare il panorama delle Cime della Valbelluno e ben oltre le Dolomiti Zoldane e Cadorine. Siamo vicini all’ Agriturismo Malga Mezzomiglio, ma proseguiamo verso Sud inoltrandoci nella Riserva forestale di faggi del Millifret, seguendo la pista in piano fino al Bivacco Pian De La Pita (1483m), dove effettuiamo un’ altra sosta, con visuale verso l’ intero Lago Di Santa Croce. Osserviamo il sentierino CAI-1046 che ci porterebbe ripidamente giù alle Fornaci di calce del Fadalto ormai in disuso. Continuiamo per il sentierino, purtroppo reso una corsa a ostacoli dai tagli boschivi ai danni degli abeti rossi ! Siamo sotto la lunga cresta che separa la Val Lapisina dal Pian Del cansiglio, camminiamo sotto il Monte Millifret (1581m) fino a uscire sulla prateria aperta del Monte Pizzoc (1565m) dove non giungeremo ma facciamo una ulteriore sosta, sulla cresta meridionale si può osservare la pianura Veneta fino a Venezia.

Ripartiamo di nuovo, ma per completare l’ annello, percorriamo più a Est, il sentiero CAI-980 (H3) per la faggeta rigogliosa del Cansiglio, parallelamente al sentiero di andata, un po’ preoccupati per la neve. Fa parte anche dall’ Alta Via N°6 “Alta Via dei Silenzi “ e il Sentiero Europeo E7 che parte dal Portogallo fino alla Romania.

Raggiunto il Pian de Le Prese, passiamo davanti alla Casera omonima fino a salire sul Monte Costa (1375m), dove è stato eretto un monumento dedicato all’ eccidio dei Partigiani da parte del Nazismo. Il Sentiero “Alpago Natura” scende rapidamente al Rifugio Casera Mezzomiglio (1291m), accessibile anche in automobile. Ci aspetta alle ore 15, il pranzo con antipasti di produzione locale e un tris abbondante di pasta, con dolce e caffè finale !

2.515 views