Header Image - Escursioni Nelle Dolomiti

Giro Del Pelmo

Giro Del Pelmo

Distanza: 15,0 Km ; Dislivello: 820 m ; Difficoltà: EE .

Itinerario: Passo Staulanza (1766 m) -CAI-472 – Pala De Le Dee – Col De Le Crepe Cavaliere – 1984 m – Me Manderò So Pelf – Val D’ Agnel – La Dambra -Passo Ritorto (1931 m) – CAI-471 – Rif. Venezia (1946 m) – CAI-480 -Sent. Flaibani – Forc. D’Arcia (2476 m) – Val D’Arcia – CAI-472 – Sale De Croda Toronda – Rifugio Staulanza (1766 m)

Domenica 24 luglio 2022, in compagnia della Sezione Club Alpino Italiano di Valdagno ci troviamo al Rifugio Passo Staulanza (1766 m) una trentina di escursionisti per percorrere questo itinerario ad anello, che porta ad ammirare tutti i quattro versanti del Monte Pelmo. Alle ore nove e trenta, imbocchiamo l’antico Tríòl del Cavai (CAI-472), ammirando l’ ampia parete Nord-Est del Civetta. Si prosegue quindi tra i mughi, oltrepassando La Fessura, che divide Pelmetto e Pelmo e costeggiando l’ampio versante meridionale del monte, fino a raggiungere gli ampi pascoli de Le Mandre e la zona de I Lach (1982 m). Da qui, mantenendo la quota acquisita, si inizia ad aggirare il versante sud-est del Pelmo, passando sotto la caratteristica struttura di roccia denominata “La Dambra” (Zoccolo in dialetto Zoldano) e raggiungendo infine i pascoli dei Campi di Rutorto e il Rifugio Venezia (1946 m), dove la vista si apre verso Est, su Cadore e la Val Boite con bella vista sull’ Antelao. Dai Campi Di Rutorto, sarebbe possibile raggiungere la piccola Cima del Monte Pena, passando per la torretta meteorologica, attraversando il prato e il sentiero tagliato attraverso i Pini Mughi.

Dal Rifugio Venezia , quindi inizia il tratto più impegnativo dell’itinerario, la salita alla Forcella Val d’Arcia (2476 m) lungo il sentiero “Gino Flaibani” (CAI-480), che si sviluppa sullo scosceso versante orientale, sotto le Crode di Forca Rossa e in direzione delle Cime di Val d’Arcia, dalla particolare conformazione rocciosa. Si raggiunge con vari zig-zag faticosi una prima forceletta a 2280 m di quota dove possiamo riprendere il fiato. Si procede poi su un sentiero attrezzato con corde fisse in alcuni brevi tratti più impegnativi ed esposti.

Raggiunto la Forcella Val d’Arcia (2476 m), punto più alto della giornata, ci fermiamo per il meritato pranzo a sacco, mentre alcuni membri del Coro bene ispirati, intonano canti di Alpini e di montagna. Malgrado le temperature canicolari del fondo Valle, l’ atmosfera è piu sopportabile e l’ aria molto tersa.

Oltrepassata la forcella, ci si affaccia infine sul versante nord, dove, dopo aver abbandonato il sentiero “Flaibani” che proseguirebbe in direzione del sottostante Rifugio Città di Fiume https://www.rifugiocittadifiume.it/, si continua attraversando in diagonale l’enorme ghiaione alle pendici del monte, fino a raggiungere nuovamente il Passo Staulanza. Scendiamo prima per ripidi ghiaioni, poi camminiamo faticosamente su blocchi enormi di Dolomia, prima di raggiungere il bosco e finalmente le nostre macchine.

La giornata si conclude con il tradizionale pic-nic con pane, salame e dolce “della casa” e il brindisi finale in allegria, nei pressi della “Baita Flora Alpina” in Val Fiorentina.

19 views

Monte Venier con CAI Val Di Zoldo

by MDB 0 Comments

Il video della giornata di Mark Von Manten !

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/jeHl3SV-nLY?rel=0″ frameborder=”0″ gesture=”media” allow=”encrypted-media” allowfullscreen></iframe>

58 views

Anello del Monte Pena con le ciaspe !

by MDB 0 Comments

ITINERARIO: Zoppè di Cadore (1465 m)-Costaẑa-Crode de Pena-Canpi de Rutorto-P.sso de Rutorto (1931 m) -Rif. Venezia (1946 m) – Cianpe de Naieron-F.lla Colonel de la Stanga (1849 m) -Buse de Serla -Zoppè (1465 m)

Anche il Club Alpino Italiano, sezione di Longarone organizza le sue belle uscite con le ciaspe. Oggi voglio narrarvi il Giro ad anello del Monte Pena di aprile 2014 scorso, sotto la guida esperta di Edo Sacchet, accompagnatore in ambiente innevato.

Ciaspolata intorno al Monte Pena
Domenica 13 aprile 2015, si parte da Zoppe Di Cadore, e entrando subito per la strada forestale, perdiamo velocemente le tracce del sentiero CAI ufficiale, per risalire faticosamente la Valle, finalmente raggiunta la strada, possiamo riprendere fiato godere della visione del Pelmo da uno dei migliori punti di osservazione ! Continuiamo con più calma per la strada innevata fino al Rifugio Venezia, incontrando altri escursionisti, che il malgrado il freddo hanno passato la notte nel piccolo bivacco. Dopo una sosta riparatrice con te caldo e biscottini, decidiamo in coro di completare il periplo. Transitiamo sotto la piccola elevazione del Col De Fer, la neve è abbondante, tracce di passaggio assenti, continua l’ avventura ! Dobbiamo scendere per le Ciampe De Najaron, attraversiamo in basso un torrentello quasi ghiacciato, “scolliniamo” in Val Dela Fontales, lo spettacolo che si apre a noi è a dire poco mozzafiato, riservato a pochi escursionisti temerari! La neve copre tutto dal suo manto nevoso, sotto i raggi del sole tenui. Raggiungere Forcella Col Della Stanga è impegnativo, non sappiamo dove passa il sentiero, ci aiutano cartina e GPS, transitando a una certa distanza dalle pareti orientali del Monte Pena. Il cammino è ancora lungo, ma siamo già nella via del ritorno, la Busa Del Serla, e finalmente la strada! Misuriamo lo strato di neve da 1,50 metri a due metri !
Torniamo passando per Fraine, il poiat e infine in un locale caldo e accogliente di Zoppé a prendere una cioccolata o un te.

www.cailongarone.it

527 views