Header Image - Escursioni Nelle Dolomiti

Landri e cima Col Curie (2035 m)

by MDB 0 Comments
Landri e cima Col Curie (2035 m)
Gruppo di amici sul Col Curie

Itinerario: Ponte Cordevole Camping Val Visdende (ca. 1018m) CAI-158 – Arsei -Landro del pastore (1434m)-Bivio sentiero Saliere (ca 1504 m)-Landri – Finestra (ca 1650m)-Bivio CAI-158-(ca 1789m)- Col Curie (2035m)- Bivio La Forceta (1573m)- scorciatoia(1418m)- Pra Cividella 1356m

Distanza: 9,4 Km – Dislivello:  Ascesa: 1047 m e discesa: 713 m

Domenica 11 dicembre 2016. Dopo San Pietro Di Cadore, di nuovo in Comelico, si parcheggia vicino al campeggio, sul ponte Cordevole (circa 1018 m), all’ imbocco della Val Visdende. Ci mettiamo in cammino accompagnati da una guida esperta del CAI Comelico, per una comodissima stradina serrata, segnavia CAI-158 che sale a tornanti regolari e mai faticoso.
Di fianco alla strada, troviamo diverse cavità e infranti della montagna sotto roccia, testimonianze di un antica attività estrattiva del piombo e in minore quantità associato di argento. A circa 1435m di quota, dentro uno di questi, aveva trovato rifugio ancora negli anni cinquanta, una donna pastore con il suo gregge di pecore.
Poco sopra i 1500 metri di quota, nei pressi di una casera in località Salere, abbandoniamo la strada per una variante non segnata e nascosta, le cui tracce sono molto labili. La nostra Guida del Club Alpino Italiano, sezione Valcomelico sa dove portarci!
Attraversiamo il bosco in direzione Nord-Ovest, rimanendo sempre in quota poi su in salita tra gli alberi e poi per una cresta spartiacque. Passiamo sul versante di destra e camminiamo per un pendio ripido, abbastanza esposto, ancora un po’ fino a raggiungere questi landri, o ripari sotto rocca (conformazione rocciosa, dal latino antrum caverna, utilizzata tanto in ladino quanto in friulano), il più caratteristico è una finestra a quota circa 1650 metri.
Proseguiamo sotto queste conformazioni rocciose naturali e poi per un percorso un più agile per raggiungere, non senza fatica il sentiero CAI ufficiale a quota circa 1789m, sull’ altro versante del monte.
D’ora in poi, il sentiero CAI-158 sale agilmente nel bosco, fino a risalire un tratto ghiaioso ripido ma breve e attraversare una vasta distesa di pini mughi bassi e raggiungere il prato sommitale e le tre croci di legno dell’ antecima del Col Curie (2030m). La Cima del Col Curie (2035m)è pochi metri più in là a Est, sulla stessa cupola.
Il panorama a 360 gradi è molto bello, da una cima facilmente raggiungibile a tutti per la via normale. Verso Ovest, il Monte Zovo e il suo paese di Cossalta e poi le Crode dei Longerin, Cima Palombino, Croda Negra, Monte Cecido, Monte Vancomun, Monte Antola, Peralba, Monte Rinaldo, Terze, Monte Col e Brentoni…
Il ritorno si fa per il versante Nord-Ovest, per il bosco, senza nessuna difficoltà tecnica ulteriore, al bivio della Forcetta (1573m), sotto l’ insellatura del Col Della Sentinella, giriamo a destra, direzione Nord, proseguendo in fondo a una valletta, poi per scorciatoia a quota 1413 m fino a ritrovare la strada in Pra Cividella (circa 1352 m), dove ci aspetta una macchina e si conclude la nostra passeggiata domenicale.
Facciamo tappa all’ Agriturismo Malga Pra Marino al ritorno, situato all’ inizio della Val Visdende per il tris di pasta per un ” momento ” conviviale e dove metteremo all’opera le papille gustative.

 RITROVATE LE ESCURSIONI DI “COMELICO TREKKING” SUL CANALE YOUTUBE

 

 

674 views